Chiusura uffici

Si comunica che mercoledì 29 giugno, in occasione della festività del Santo Patrono di Roma, gli uffici della sede centrale del CAF rimarranno chiusi

Gli uffici riapriranno regolarmente giovedì 30 giugno.

Fissato il limite di detraibilità per i corsi universitari non statali – Decreto MIUR

Il Ministero dell’Istruzione dell’Università e della Ricerca (MIUR) ha pubblicato sul proprio sito internet il D.M. 29 aprile 2016, n. 288, con il quale è stato fissato il limite massimo detraibile delle tasse e dei contributi di iscrizione alle università non statali, ai sensi dell’art. 15, comma 1, lett. e), TUIR. In particolare, il MIUR ha stabilito gli importi di riferimento per il periodo d’imposta 2015, in base:

  • all’area disciplinare di afferenza dei corsi (medica, sanitaria, scientifico-tecnologica e umanistico-sociale);
  • alla sede territoriale dei corsi in Regioni del Nord, Centro, Sud e Isole.

Dato che la disposizione in esame si applica a partire dall’anno d’imposta 2015 sarà pertanto possibile portare in detrazione:

  • l’intera spesa sostenuta nell’anno 2015 per la frequenza dei corsi di laurea, laurea magistrale e laurea magistrale a ciclo unico di università statali;
  • per la frequenza dei corsi di laurea, laurea magistrale e laurea magistrale a ciclo unico per le università non statali la spesa detraibile sarà determinata in misura non superiore a quella stabilita dal comma 1 del decreto per la frequenza dei corsi di dottorato, specializzazione e master universitari di primo e secondo livello nella misura massima stabilita dal comma 3 del decreto.

 

Due per mille IRPEF alle associazioni culturali.

Con il D.P.C.M 21 marzo 2016 il Governo ha delineato i criteri per la destinazione del due per mille dell’IRPEF a favore di associazioni culturali in riferimento al periodo d’imposta 2015.
In particolare, è previsto che:

  • i soggetti destinatari di tale donazione sono le associazioni:
  1. aventi come finalità, risultante dal proprio statuto, lo svolgimento e/o la promozione di attività culturali;
  2. esistenti da almeno 5 anni al momento di presentazione della domanda di ammissione;
  • i contribuenti che intendono destinare il 2 per mille della propria IRPEF dovranno utilizzare l’apposita scheda allegata alla dichiarazione dei redditi indicando il codice fiscale dell’associazione e apponendo la propria firma autografa.

L’elenco provvisorio delle associazioni culturali che potenzialmente possono beneficiare del due per mille IRPEF è consultabile al seguente indirizzo web:

http://www.beniculturali.it/mibac/multimedia/MiBAC/documents/1461939239331_2permille.pdf.

Dichiarazione sostitutiva per il Canone RAI

Con la Legge di Stabilità 2016 è stato introdotto il principio di presunzione sul possesso dell’apparecchio televisivo nel caso in cui esista un’utenza elettrica nel luogo in cui il soggetto risiede anagraficamente.

L’Agenzia delle Entrate, in data 24 marzo 2016, ha definito le modalità e i termini di presentazione della dichiarazione sostitutiva relativa al canone di abbonamento alla televisione per uso privato ai sensi dell’art. 1, comma 153, lett. a), L. n. 208/2015 e ha approvato il relativo modello.

Il nuovo modello può essere presentato:

  • per certificare di non possedere un apparecchio televisivo (in questo caso trattasi di dichiarazione sostitutiva che se non veritiera comporta delle sanzioni anche penali – artt. 75 e 76 DPR 445/2000);
  • per segnalare che il canone è dovuto in relazione all’utenza elettrica intestata ad un altro componente della stessa famiglia anagrafica, del quale deve essere indicato il codice fiscale (ad esempio, due soggetti che fanno parte della stessa famiglia anagrafica ma che sono titolari di utenze elettriche separate);
  • dall’erede in relazione all’utenza elettrica transitoriamente intestata a un soggetto deceduto.

 

Per il 2016 la dichiarazione sostitutiva avrà effetto per l’intero canone dovuto se viene presentata entro il 30 aprile 2016 tramite raccomandata, oppure entro il 10 maggio 2016 in via telematica.

Proroga invio spese sanitarie al Sistema Tessera Sanitaria

Con comunicato stampa, ieri (21 gennaio 2016) l’Agenzia delle Entrate ha annunciato la proroga del termine per l’invio al Sistema Tessera Sanitaria dei dati relativi alle spese sanitarie 2015.
In particolare, i soggetti tenuti all’invio delle spese sanitarie 2015 (medici, farmacie, strutture sanitarie, ecc.) avranno tempo fino al 9 febbraio 2016 per la trasmissione telematica anziché al 31 gennaio.

I contribuenti potranno esercitare l’opposizione all’utilizzo delle spese mediche sostenute nel 2015 per l’elaborazione del 730 precompilato direttamente all’Agenzia dal 10 febbraio al 9 marzo 2016 accedendo all’area autenticata del sito internet del Sistema Tessera Sanitaria.